Disturbi genito-urinari: terapie alternative

disturbi-genito-urinari-1200x644.jpg

Cosa sono i disturbi dell’apparato genito-urinario?

I disturbi dell’apparato Genito-urinario influenzano notevolmente la vita della donna e la sua vita sessuale. In una società moderna dove bellezza e prestanza continuano ad essere i principali messaggi trasmessi dai mass media;la donna si trova sempre più a disagio,compromettendo in maniera notevole la vita di relazione. Per tale motivo,i disturbi genito urinari,insieme alle irregolarità mestruali ed i sintomi climaterici rappresentano le motivazioni più frequenti di accesso ai centri della menopausa e di richiesta di visita ginecologica.

Quali sono i sintomi?

L’approccio terapeutico a tale problematica non è semplice,anzi spesso risulta complesso e con scarsi risultati.Atrofia vaginale,associata a prurito vaginale,bruciore,secchezza e dolore,interessa fino al 40 per cento delle donne in post menopausa.

Soluzioni: cosa si può fare?

Molte donne sono scarsamente consapevoli sia del fatto che la vaginite atrofica rappresenta una condizione cronica con impatto significativo sulla salute sessuale e sulla qualità di vita,sia che sono disponibili oggi trattamenti efficaci e sicuri.Con la radiofrequenza e l’elettroporazione si possono contrastare i disturbi della vaginite atrofica con soluzioni sicure,efficaci e confortevoli. Questa tecnologia offre una soluzione sicura ,efficace non invasiva,aiutando le donne alla ricerca di tutto quanto possa migliorare lo stile e la qualità di vita. Con la radiofrequenza e l’elettroporazione si terapizza la secchezza vulvo vaginale e si interviene sulla lassita’ vaginale. Grazie all’utilizzo di un manipolo da parte di uno specialista si dona elasticità e compattezza al canale vaginale stimolando la produzione di collagene e acido ialuronico ristabilendo così il trofismo dei delicati tessuti vulvari e migliorandone l’aspetto funzionale e estetico. Attraverso l’uso di questa tecnologia si offre un trattamento di altissimo livello,unico,indolore,che non necessita di tempo di recupero e si può effettuare nel tempo di una pausa pranzo.Le pazienti trattate riscontrano sin dalla prima seduta miglioramenti significativi sulla lassita’ vaginale.

Come funziona?

Come funziona questa nuova terapia. Il principio che muove questa tecnologia è la produzione di calore a livello dei piani sottostanti della vagina che stimola la formazione di nuovi fibroblasti e di collagene e di conseguenza il consolidamento e il ringiovanimento dei tessuti vaginali direttamente trattati.

Il rimodellamento del tessuto avviene gradualmente già dalla prima seduta inserendo un manipolo nella parte interna della vagina e inducendo una fonte di calore avvertita confortevolmente dalla donna, sempre nell’ambito dello stesso trattamento mediante il procedimento di elettroporazione si procede a trasmettere a tutti gli strati vaginali acido ialuronico. In questo modo l’effetto termico, contraente e inoculativo dell acido ialuronico produce un rimodellamento e relativa produzione di collagene delle pareti stesse.

La procedura rispetto ad altri trattamenti ha il vantaggio di essere indolore e di una certa velocità nel raggiungimento dei risultati.in genere si raccomandano almeno quattro sedute una ogni settimana della durata di 20 minuti per risolvere i disturbi intimi legati all’atrofia vaginale. Il costo di ogni seduta e’ di 80 euro, nettamente inferiore ai trattamenti farmacologici di lunga durata e ai trattamenti laser.

Benefici del trattamento

Ne consegue un ringiovanimento della mucosa vaginale,con numerosi vantaggi trai quali la stimolazione della vascolarizzazione e produzione di nuove fibre di collagene,maggiore elasticità dei tessuti ed il veloce ripristino strutturale e funzionale della vagina. Già al termine del primo trattamento i benefici per queste patologie e sintomatologie son ben tangibili. Caratteristiche del trattamento La procedura non è invasiva ma confortevole e viene svolta ambulatoriamente. È’ sicura . Non presenta controindicazioni se non alle donne in gravidanza o portatrici di pace maker. La durata media del trattamento è’ di 20 minuti.
I benefici si riscontrano già dal primo trattamento . Non si denunciano effetti collaterali e la paziente può tranquillamente riprendere da subito le attività quotidiane compresa quella sessuale.

Disfunzioni correlate

Per gli stessi meccanismi d’azione sopra indicati il trattamento trova indicazione nella atrofia vaginale. E’ infatti adatto per combattere i sintomi di secchezza e di bruciore intimi dovuti alla menopausa naturale e/o indotta.

Incontinenza urinaria da stress: utilissimo per cancellare l’incontinenza involontaria provocata da semplici azioni quali un colpo di tosse uno starnuto o una risata.

Sindrome da rilassamento vaginale: adatto per ripristinare l’elasticità e là funzionalità dei tessuti vaginali rilassati permanentemente dopo il parto.

Prolasso dei genitali: il trattamento risulta ancora più indicato per coloro che a seguito della menopausa presentano un cedimento strutturale dei tessuti e dei muscoli pelvici che nei casi più gravi possono comportare una importante anomalia estetica e funzionale degli organi genitali,compromettendo la qualità di vita della paziente.

Vuoi saperne di più?

Contattataci, per un chiarimento o per un primo consulto. Siamo a tua disposizione.


Inserisci commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono evidenziati con *


Contattaci


+39 0382 29073

Viale Libertà, 69 – 27100 Pavia

Fissa Appuntamento

Dott. Giuseppe Baroni


CF: BRNGPP47R18D391U, P.IVA: 00923760177 – Iscritto all’Albo dei Medici Chirurghi della Provincia di Brescia dal 25/05/1976. Iscrizione nr. 02410.
Le informazioni contenute in questo sito non vanno considerate come sostitutive del parere del medico, pertanto non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.